MONOPATTINI, PROCURA, DE CORATO: “166 INCIDENTI PER AREU DAL 1° GIUGNO AD OGGI FANNO APRIRE ALLA PRO

Milano (02 ottobre 2020)- “Mentre Sala sguinzaglia gli steward dei monopattini, la Procura di Milano apre fascicolo conoscitivo sulle società a noleggio Helbiz, Bit, Bird, Lime, Wind, Voi, Dott”.

Commenta così l’ex vice sindaco di Milano ed Assessore regionale alla sicurezza, immigrazione e polizia locale, Riccardo De Corato, i dati raccolti dalla Procura di Milano sui monopattini.

“L’indagine del dipartimento di Tutela della Salute della Procura (guidato dall'Aggiunto, Tiziana Siciliano) ha ipotizzato che a Milano ne circolino in "free floating" ben più dei 6.000 concessi. Inoltre, sempre la Procura, ha rilevato come nella nostra città regni l’anarchia anche per quanto riguarda il loro posizionamento: vengono lasciati ovunque persino dalle stesse società di sharing. Mi chiedo: ma il Comune cosa fa? Come vigila? Mentre si concentra a realizzare vetrine mediatiche insieme alle società di noleggio per sensibilizzare chi utilizza questi mezzi a farlo nel modo corretto, non si accorge di quanto succede la mattina, quando i furgoni delle stesse società posizionano questi velocipedi alle uscite delle metro davanti alle stazioni con parcheggi irregolari?

Insomma, il Comune dovrebbe ammettere che la vicenda monopattini gli è proprio sfuggita di mano. Sin dal mese di giugno scorso Palazzo Marino ha continuato a dire ai milanesi di usare bene questi mezzi. Il risultato, ad oggi, sono 166 interventi di ambulanze in città registrati da Areu per soccorrere i monopattinisti. Probabilmente questi rimangono sempre pochi per l’assessore comunale Granelli che già a luglio aveva cercato di sminuirne il numero.

L’indagine conoscitiva della Procura, in parte, certifica quanto vado dicendo da tempo: Milano con questa nuova mobilità green è diventata una giungla e i monopattini sparsi in ogni luogo della città ne sono il chiaro esempio.

Forse ora il Comune aprirà gli occhi, a cominciare dal controllo puntuale dei mezzi in sharing circolanti e delle soste. Mi auguro- conclude De Corato- che se dovesse emergere una truffa messa in atto dalle compagnie sharing, Palazzo Marino consideri la revoca di tutte le licenze fino ad ora concesse”.

Post in evidenza
Post recenti
Archivio
Cerca per tag
Seguici
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square

Seguimi: 

  • Facebook Clean Grey
  • Twitter Clean Grey
  • YouTube Clean Grey

Gruppo Fratelli d'Italia - Alleanza Nazionale -  Consiglio Regione Lombardia

via Fabio Filzi 22 - Tel.:  0267482744 - mail: riccardo.decorato@consiglio.regione.lombardia.it