DROGA, MILANO, DE CORATO: “ARRESTO 3 PUSHER CONFERMA CHE MALAVITA ALBANESE SPECIALIZZATA IN TRAFFICO

Milano (10 settembre 2020)- “Il sequestro di 20 chili di droga effettuato a Milano dalla Polizia di Stato, che ringrazio, fa riemergere nuovamente la gravità della problematica legata a questo business che non conosce crisi”, commenta con queste parole l’ex vice Sindaco di Milano ed assessore regionale alla sicurezza, immigrazione e polizia locale, Riccardo De Corato, l’arresto di tre albanesi e la denuncia di un quarto uomo per detenzione ai fini di spaccio e il sequestro di hashish e cocaina effettuati dagli agenti del Commissariato Comasina lunedì scorso al termine di un’indagine svolta nell’ambito dei servizi di contrasto al traffico di sostanze stupefacenti.

INCREMENTO FF.OO- “In Lombardia, in particolar modo a Milano, non si contano più gli arresti di pusher o le tonnellate di droga sequestrate negli anni grazie all’eccellente lavoro delle forze dell’ordine. Nonostante i loro sforzi per combattere lo spaccio e garantire i delinquenti alla giustizia, la situazione legata al traffico di droga è emergenziale. Servono più uomini per far fronte a questa piaga. A tal proposito continuo a domandarmi come mai il Ministro Lamorgese e il Ministro Guerini non rinforzino il contingente di polizia e carabinieri con almeno 500 divise in più, come fatto a Roma. Gli organici delle nostre forze dell’ordine sono fermi alla fine degli anni ’90. Come si può affrontare le numerose problematiche legate alla sicurezza e alla droga che riguardano il territorio lombardo con lo stesso numero di uomini di 20 anni fa?”

ALBANESI IRREGOLARI, IN CARCERE E SPACCIO- “Da una ricerca dell’Università di Milano sulle mafie è emerso in maniera inequivocabile che la malavita extracomunitaria nella nostra regione rappresenta un fenomeno importante che ha, addirittura, raggiunto il controllo esclusivo di alcuni campi. Quella albanese, come dimostrano anche gli arresti di lunedì, si occupa principalmente del traffico di droga, al quale si aggiungono il racket della prostituzione e le rapine in villa. Secondo i dati di Orim e Polis, i clandestini albanesi presenti in Lombardia sono 9.690, 3.060 dei quali solo a Milano. Si tratta della prima nazionalità per numero tra quelle dell’est Europa e della seconda nella classifica generale, preceduta solo dagli irregolari marocchini: 10.440 sull’intero territorio regionale, 3.490 nel capoluogo.

Sono secondi ai marocchini anche per numero di detenuti nelle carceri lombarde. Secondo i dati aggiornati ad agosto 2020 del Ministero sono 419 i carcerati albanesi in Lombardia. Mi auguro che questi delinquenti, dopo aver scontato la pena senza riduzioni, vengano rimpatriati con accompagnamento coattivo alla frontiera”.

POLIZIE LOCALI- “Come Regione Lombardia- conclude De Corato- siamo a conoscenza della problematica che coinvolge tutta la regione, in particolare negli ormai tristi e famosi boschetti dello spaccio. Per questo, nel prossimo bando, nelle dotazioni organiche della PL inseriremo anche il rilevatore sniffer palmare che identifica le sostanze stupefacenti.

Post in evidenza
Post recenti
Archivio
Cerca per tag
Seguici
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square

Seguimi: 

  • Facebook Clean Grey
  • Twitter Clean Grey
  • YouTube Clean Grey

Gruppo Fratelli d'Italia - Alleanza Nazionale -  Consiglio Regione Lombardia

via Fabio Filzi 22 - Tel.:  0267482744 - mail: riccardo.decorato@consiglio.regione.lombardia.it