IUS SOLI, DE CORATO: SALA TORNA ALLA CARICA SU QUESTO TEMA. NELLA SUA TESTA SEMPRE GLI IMMIGRATI, ME

Sala riferendosi allo Ius Soli ha affermato che ritiene “giusto che il Parlamento avvii il dibattito” e che “parliamo di un tema che è di tantissimi ragazzi”.

È vero, riguarda moltissime persone, tutte quelle che hanno avuto a che fare con immigrati. Solo nelle ultime 24 ore: - via Bobbio: un 18enne italiano è stato rapinato e ferito con un coltello da un gruppo di nordafricani nella notte tra sabato e domenica; - via Gorlini: a mezzanotte di ieri un 24enne nigeriano ospite centro accoglienza ha morso un agente di Polizia ad una mano; - via Melato: dopo una lite fra due fratelli nigeriani e uno dei due è stato arrestato perché trovata in casa sua della droga; -viale Tunisia, ieri sera un 34enne pachistano con una ferita al torace è stato soccorso ed al personale dell’ambulanza ha chiesto di non chiamare la Polizia oltre a non aver fornito una spiegazione alla sua ferita; -Corso Como: ieri sera ennesima “vittima” degli spacciatori, principalmente nordafricani, presenti nella zona una 21 enne finita in ospedale dopo mix di alcool e droga.

La vera stumentalizzazione della “vicenda scuolabus” arriva dal centro sinistra che ha colto la palla al balzo per tornare a parlare subito di Ius Soli. Ma perché il sindaco di Milano non si preoccupa delle condizioni della sua città e non concentra tutta la sua attenzione sul tema della sicurezza che fino ad oggi, da parte del primo cittadino, di attenzioni non ne ha avute? Milano è capitale dei reati, con, secondo i dati Istat, un tasso di delittuosità pari a 10.908 delitti ogni 100 mila abitanti, più di Napoli e Palermo. Ma questo Sala&Co. fingono di non saperlo, come fingono di non sapere che nei primi sei mesi dello scorso anno, secondo i dati del dipartimento della pubblica sicurezza del Ministero dell'Interno, sono stati commessi a Milano, 73.195 delitti, fra i quali 46.535 furti, 1.253 rapine e 1.128 lesioni dolose. Per quanto riguarda le violenze sessuali se ne contano circa 27 al mese per un totale di 165. Davvero per il primo cittadino la città è sicura o, comunque, lo è abbastanza da poter concentrare l’attenzione su altro? NELLA MILANO MULTIETNICA DI SALA E MAJORINO, ANZIANI VITTIME DI RAPINE, SCIPPI, TRUFFE E VIOLENZE SESSUALI-Mentre Sala parla di Ius Soli e concentra, insieme a Majorino, tutti i suoi sforzi in manifestazioni pro immigrazione, gli anziani devono barricarsi in casa, specialmente dopo una certa ora, per non rischiare truffe, scippi e rapine come accaduto pochi giorni fa ai danni di due anziane di 87 e 76 anni scippate, rispettivamente, in via Tarra e in via Battaglia e qualche settimana prima in viale Lucania ai danni, invece, di una 91 enne spinta poi a terra. Ma non rischiano solo questo. Nella Milano multietnica di Sala e Majorino, le anziane rischiano anche violenze sessuali, come accaduto lo scorso settembre in zona Comasina per mano di un romeno con precedenti specifici.

RISULTATO POLITICHE ACCOGLIENZA CSX- Tutto ciò è il risultato delle politiche di accoglienza sfrenata portate avanti dal Csx e si verifica in una città dove sono presenti, compresa la provincia, 459.109stranieri regolari, dei 1.153.835 registrati in Lombardia, e 48.900 clandestini, dei 112mila presenti in tutta la regione. Secondo i dati Orim e Polis Lombardia il tasso di delittuosità degli stranieri è 5,6 volte superiore a quello degli italiani. Per esempio, nel 2016 il 56.9 % dei furti commessi e il 55% delle violazioni della normativa sugli stupefacenti è avvenuto per mano di uno straniero.

MENTRE PER CARITAS AUMENTO POVERI ITALIANI, SALA PENSA A INCREMENTO COSTO BIGLIETTO ATM- Mentre per Caritas la percentuale dei poveri italiani, in particolare gli anziani, è in aumento, passando dal 36,6 per cento del 2016 al 39,7 del 2017, Sala pensa ad aumentare il costo del biglietto di Atm, per “migliorare la qualità del servizio offerto”. Di quale servizio parli Sala, però, non lo sappiamo visto che aggressioni, scippi e rapine sui mezzi sono all’ordine del giorno. Inoltre, come già accade ora, a pagare il biglietto, presto maggiorato, saranno sempre i soliti che già adesso pagano, mentre chi non acquista alcun titolo di viaggio continuerà a viaggiare sulle spalle degli onesti. Ma mentre il Sindaco di Milano pensa ad immigrati e ad aumentare il costo del biglietto Atm, alla sicurezza e ai milanesi chi ci pensa?

Post in evidenza
Post recenti
Archivio
Cerca per tag
Seguici
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square

Seguimi: 

  • Facebook Clean Grey
  • Twitter Clean Grey
  • YouTube Clean Grey

Gruppo Fratelli d'Italia - Alleanza Nazionale -  Consiglio Regione Lombardia

via Fabio Filzi 22 - Tel.:  0267482744 - mail: riccardo.decorato@consiglio.regione.lombardia.it