ROGOREDO, DE CORATO: TUTTO COME PRIMA, ALTRO BLITZ NEL BOSCHETTO DELLA DROGA. SERVONO RECINZIONI E T

Il boschetto della droga di Rogoredo torna sotto ai riflettori. È infatti in corso questa mattina un controllo dei carabinieri organizzato per abbattere le baracche dei pusher che vivono all'interno. Senza troppo stupore apprendiamo che, all’interno dell’area, sono state trovate tende e ripari di fortuna allestiti con lamine e coperture in plastica e diversi i fuochi ancora accesi all’arrivo dei militari. Dopo i vari sopralluoghi, molto simili a visite guidate e spesso accompagnati da telecamere e macchine fotografiche, si ritorna al punto di partenza e si riprende con blitz utili a risolvere il problema solo per qualche ora. È evidente, considerato anche l’ultimo episodio di violenza avvenuto ieri notte ai danni di Fabrizio Corona intento a fare un servizio sulla situazione di degrado che caratterizza il boschetto, che sia necessaria una soluzione definitiva che affronti il problema alla radice.

PARCHI TOLTI A SPACCIATORI E TOSSICODIPENDENTI DAL CDX-Con le giunte di centro destra Albertini e Moratti si era risolto il problema legato allo spaccio e al consumo di sostanze stupefacenti all’interno di parchi e aree verdi, recintando, dove possibile, e videosorvegliando le zone, in taluni casi anche posizionando torrette di controllo all’interno degli stessi. Il Parco delle Cave, il più grande parco urbano d’Italia, 1.350.000 m² tolti dalle mani di spacciatori e tossicodipendenti grazie al posizionamento di un sistema di videosorveglianza e della torretta all’interno della quale ci sono schermi attraverso i quali è possibile, appunto, controllare quanto accade all’interno dell’area verde. Mentre all’ingresso, in via Bianca Milesi, è stata aperta in una ex scuola una stazione dei Carabinieri, così da garantire un maggiore presidio e controllo della zona. Il Parco delle Basiliche, 40 700 m², è stato recintato, con ingressi via Molino delle Armi, piazza della Vetra, via Vetere, via Santa Croce, e videosorvegliato. Anche Parco Sempione, 386 000 m², e Parco Alessandrini, 66.500 m², che si trova nello stesso municipio di quello di Rogoredo, ovvero il 4, sono stati recintati e videosorvegliati.

Se si vuole affrontare seriamente la problematica, come è stato fatto nei casi appena citati dal centro destra, la strada da seguire è questa. Al contrario di quanto sta facendo adesso il centro sinistra con l’abbinata Sala-Majorino che perseguono la politica del “minor danno” e strizzano l’occhio alla legalizzazione delle sostanze stupefacenti. Considerato che si è riusciti a videosorvegliare il parco delle Cave, non dovrebbero esserci difficoltà nel fare altrettanto anche al boschetto che è di soli 43ettari. Altrimenti, continuando a fare blitz come questo, dopo i quali tutto torna nel giro di poche ore come prima, si prendono in giro i residenti e basta.

Come Regione, siamo in attesa della firma del patto sulla sicurezza con il Ministro dell’Interno, nel quale dovrebbe essere previsto anche il posizionamento di telecamere all’interno del parco di Rogoredo.

Post in evidenza
Post recenti
Archivio
Cerca per tag
Seguici
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square

Seguimi: 

  • Facebook Clean Grey
  • Twitter Clean Grey
  • YouTube Clean Grey

Gruppo Fratelli d'Italia - Alleanza Nazionale -  Consiglio Regione Lombardia

via Fabio Filzi 22 - Tel.:  0267482744 - mail: riccardo.decorato@consiglio.regione.lombardia.it