PROSTITUZIONE, DE CORATO: GIOVANE CINESE SFREGIATA DA 3 CONNAZIONALI ARRESTATI. IN MANETTE ANCHE PRI

Ancora una volta, grazie al lavoro delle forze dell’ordine, sono finite in manette tre cinesi di 27 e 35 anni e da una donna di 40 per lesioni gravissime e tentata estorsione, per aver sfregiato il volto di una giovane connazionale a fronte della richiesta di 40mila euro come provento dell’attività di prostituzione nel mese di settembre 2017, e di favoreggiamento e sfruttamento, appunto, della prostituzione. Se è vero che i cinesi fanno tutto “in casa”, anche i reati, è anche vero che questo genere di reato è davvero spregevole. Sfregiare il viso di una ragazza con dei cocci di bottiglia è un gesto che non deve trovare spazio in una società civile come la nostra, come neanche, ne deve trovare, lo sfruttamento della prostituzione. A proposito di prostituzione cinese, da tempo ripeto che i centri massaggi cinesi devono essere controllati maggiormente ed essere regolamentati diversamente negli orari. Non possono esistere luoghi, palesi coperture di altro, che all’esterno pubblicizzano massaggi, ma poi rimangono aperti fino a notte fonda. Chi va a farsi fare un massaggi alle 3 di notte? Per fare un esempio di ciò che queste realtà nascondono, basti pensare che a giugno, in via Melchiorre Gioia, è stato chiuso un centro massaggi cinese per sfruttamento della prostituzione. Servono più controlli in questi luoghi di finta cura del benessere. Oltre a questo, i cinesi hanno contribuito molto anche all'ampliamento della cultura italiana della droga. Infatti, a Varedo, è stato arrestato un 28enne italiano che aveva in casa, oltre a 114 grammi di marijuana, anche 53 grammi di shaboo, metanfetamina in cristalli. Questo sarebbe il primo spacciatore italiano sorpreso a Milano, e forse in tutta Italia, con un consistente quantitativo di questo genere di droga, che invece, di solito, viene venduta da spacciatori per lo più cinesi. Un altro grande primato, dopo quello della "Capitale del crimine", al quale Milano rinuncerebbe molto più che volentieri. Chiediamo la certezza della pena e che gli stranieri che delinquono vengano rimpatriati solo dopo aver scontato la pena.

Post in evidenza
Post recenti
Archivio
Cerca per tag
Seguici
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square

Seguimi: 

  • Facebook Clean Grey
  • Twitter Clean Grey
  • YouTube Clean Grey

Gruppo Fratelli d'Italia - Alleanza Nazionale -  Consiglio Regione Lombardia

via Fabio Filzi 22 - Tel.:  0267482744 - mail: riccardo.decorato@consiglio.regione.lombardia.it