REGIONE, DE CORATO: LETTERA DI SALA AL PREFETTO SU SGOMBERI DOPO MIA INTERROGAZIONE SU RISARCIMENTO

REGIONE, DE CORATO: LETTERA DI SALA AL PREFETTO SU SGOMBERI DOPO MIA INTERROGAZIONE SU RISARCIMENTO DALLO STATO PER CASE OCCUPATE.

SU CAPOTRENO CREMONA-BRESCIA AGGREDITO DA AFRICANO E LICENZIATO BISOGNA FARE DI PIU', MALE SEGNALE CHE HA DETO TRENORD

“Oggi in Consiglio regionale sono state discusse due mie interrogazioni: una sul risarcimento che lo Stato dovrebbe dare ai proprietari di appartamenti occupati abusivamente e una sul licenziamento del capotreno di Cremona che aveva reagito a un'aggressione.

RISARCIMENTO PER CASE OCCUPATE - In una recente sentenza il tribunale di Roma ha deciso che, se lo Stato non rispetta la legge sgomberando i palazzi occupati, sarà chiamato a risponderne in prima persona risarcendo economicamente i proprietari. A Milano ci sono 3.500 case occupate in Aler su 70mila: la somma di denaro che dovremmo ottenere sarebbe altissima!

Ho chiesto alla Giunta di intraprendere azioni in merito e il vicepresidente Sala ha risposto che sta seguendo attentemente l'iter della sentenza e che scriverà al prefetto “evidenziandogli la necessità di porre in atto azioni più incisive in materia di sgomberi”. La Regione vada avanti su questa strada e ricordi anche al prefetto la sentenza del tribunale.

DIFESA DEL CAPOTRENO LICENZIATO - Nella seconda interrogazione ho chiesto che la Regione si attivi per difendere il capotreno licenziato dopo essere stato aggredito da un senegalese che non voleva pagare il biglietto sul treno Cremona-Brescia. Per difendersi l'uomo aveva reagito, aggredendo e insultando lo straniero violento. Trenord lo ha per questo allontanato ma nella mia interrogazione ho chiesto di intervenire con l'azienda per ottenere il reintegro. Il sottosegretario Fermi ha detto che Trenord ha piena autonomia in merito, ma non sono per niente soddisfatto della risposta. Parliamo di questioni di sicurezza, dato che ogni giorno controllori e capitreno vengono aggrediti e insultati da immigrati violenti. Per questo la Regione dovrebbe intervenire con Trenord, anche perché non si tratta solo di difendere un dipendente trattato ingiustamente ma anche di non dare un segnale totalmente negativo e intollerabile. Mi riservo di intraprendere, nei limiti dei tempi dettati dalla fine della legislatura, ulteriori azioni con Trenord”

Post in evidenza
Post recenti
Archivio
Cerca per tag
Seguici
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square

Seguimi: 

  • Facebook Clean Grey
  • Twitter Clean Grey
  • YouTube Clean Grey

Gruppo Fratelli d'Italia - Alleanza Nazionale -  Consiglio Regione Lombardia

via Fabio Filzi 22 - Tel.:  0267482744 - mail: riccardo.decorato@consiglio.regione.lombardia.it