PIAZZA FONTANA, DE CORATO: DOMANI MI ASPETTO SOLITE PARATE CENTRI SOCIALI CHE NEGANO VERITA' STO

“Immagino che domani, 12 dicembre, assisteremo alle solite parate dei centri sociali che negheranno la verità storica e giudiziaria connessa a Piazza Fontana. E mi aspetto anche che tutto questo avrà il benestare del sindaco-non-super-partes Sala e di tutta la sua giunta, Majorino in testa.

Gli anarchici infangheranno per l'ennesima volta la memoria di Luigi Calabresi e Sala cosa farà? Li giustificherà anche questa volta?

Il sindaco dimostri di essere dalla parte della verità e faccia rimuovere, come chiedo ogni anno, la lapide abusiva con scritto che Pinelli è stato ucciso. Milano è costretta a subire una stele abusiva posta dagli anarchici in piazza Fontana e mai fatta togliere da Questura, Prefettura e Comune: venga eliminata! La verità giudiziaria sulla morte di Giuseppe Pinelli l'ha scritta il giudice D'Ambrosio, che chiuse il caso attribuendo il decesso a un malore. Ma ormai ai centri sociali si permette tutto, compreso mettere targhe dove vogliono e come vogliono, senza rispettare la verità storica e la memoria dei caduti per lo Stato.

Calabresi è da considerare, ricordare e celebrare a tutti gli effetti come una vittima della strage di Piazza Fontana. Il Sostituto Procuratore di allora D’Ambrosio affermò: “L’istruttoria lascia tranquillamente intendere che il Commissario Calabresi non era nel suo ufficio al momento della morte di Pinelli”. Sala che è così attento a condannare ogni braccio teso, ogni iniziativa degli skinhead e ogni gesto vagamente riconducibile al neofasciscmo sia anche in un cimitero, si faccia portavoce della verità e condanni i centri sociali domani”.

Post in evidenza
Post recenti
Archivio
Cerca per tag
Seguici
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square

Seguimi: 

  • Facebook Clean Grey
  • Twitter Clean Grey
  • YouTube Clean Grey

Gruppo Fratelli d'Italia - Alleanza Nazionale -  Consiglio Regione Lombardia

via Fabio Filzi 22 - Tel.:  0267482744 - mail: riccardo.decorato@consiglio.regione.lombardia.it