GIRO D'ITALIA, DE CORATO: SALA TAGLIA ANCHE UN'ALTRA TRADIZIONE MENEGHINA LA TAPPA FINALE PE


Apprendiamo con stupore e delusione che per il Sindaco di Milano Giuseppe Sala non vale la pena fare un investimento economico per aggiudicarsi la tappa conclusiva del giro d'Italia. Per diversi anni il capoluogo lombardo è stata la tappa conclusiva del importante avvenimento organizzato dalla Gazzetta dello sport, che non a caso ha sede proprio a Milano.

Il Giro d'Italia 2018 partirà da Gerusalemme e terminerà a Roma. La corsa, organizzata da Rcs Sport-Gazzetta dello Sport, affronterà tratti durii come Etna, Gran Sasso, Zoncolan, Colle delle Finestre, Sestriere e la scalata per Cervinia: 21 tappe, 44.000 metri di dislivello complessivi, 2 tappe crono (44.2 km totali), 7 tappe per velocisti, 6 di alta montagna, 8 arrivi in salita. Ma Milano è fuori dai giochi.La corsa rosa non interesserà il capoluogo lombardo. E il motivo sono i costi, come precisato dal primo cittadino.

“ Chissà come mai il Sindaco di Milano trova i soldi per gli immigrati, per le feste etniche le case dei dirittio di Majorino, e per tutte le iniziative ad essi connesse , e invece quando si tratta di investire sul prestigio di Milano i quattrini diventano un problema. Dopo la perdita dell'assegnazione dell' Ema (agenzia mondiale del farmaco) per Milano un altro duro colpo e perdita di prestigio che si poteva tranquillamente evitare”.

Post in evidenza
Post recenti
Archivio
Cerca per tag
Seguici
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square

Seguimi: 

  • Facebook Clean Grey
  • Twitter Clean Grey
  • YouTube Clean Grey

Gruppo Fratelli d'Italia - Alleanza Nazionale -  Consiglio Regione Lombardia

via Fabio Filzi 22 - Tel.:  0267482744 - mail: riccardo.decorato@consiglio.regione.lombardia.it