TERRORISMO, DE CORATO: LOMBARDIA CROCEVIA DI TERRORISTI, I DUE ARRESTATI A CHIASSO SONO PASSATI DA C

“La Lombardia è ormai crocevia di terroristi e di loro complici.

Due richiedenti asilo tunisini sono stati arrestati dalla polizia cantonale in un centro di Chiasso su segnalazione delle Autorità italiane, perché “considerati un rischio potenziale per la sicurezza interna in Svizzera, in collegamento con le attività terroristiche all'estero”. I due erano passati per Como e potrebbero essere collegati a Ahmed Hannachi, il tunisino che ha accoltellato a morte due giovani donne a Marsiglia.

Ricordo che Fezzani, il presunto terrorista tunisino catturato in Sudan, aveva vissuto a Milano e aveva frequentato i centri di Jenner e via Quaranta. E ricordo che da viale Jenner sono passati Abu Imad, imam condannato in via definitiva per associazione a delinquere finalizzata al terrorismo internazionale, i due terroristi di Madrid e l'uomo che si è fatto esplodere davanti alla Perrucchetti. Hanno soggiornato in Lombardia anche gli uomini che hanno reclutato e addestrato Cherif e Said Kouachi, gli attentatori di Parigi e Monsef El Mkhayar, foreign fighter condannato a 8 anni di carcere.

Secondo i dati del Ministero degli Interni, gli stranieri espulsi perché ritenuti una minaccia per l'Italia sono negli ultimi 3 anni 214 e il record ce l'ha Milano, con 20 rimpatri. In Lombardia se ne contano 46, un numero impressionante. E' chiaro che con l'ondata incontrollata di immigrati e con il favore con cui vengono accolti tutti, irregolari compresi, da Sala e dagli altri sindaci del centrosinistra, è più facile che tra di loro si nascondano terroristi o loro complici”.

Post in evidenza
Post recenti
Archivio
Cerca per tag
Seguici
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square

Seguimi: 

  • Facebook Clean Grey
  • Twitter Clean Grey
  • YouTube Clean Grey

Gruppo Fratelli d'Italia - Alleanza Nazionale -  Consiglio Regione Lombardia

via Fabio Filzi 22 - Tel.:  0267482744 - mail: riccardo.decorato@consiglio.regione.lombardia.it