MIGRANTI, DE CORATO: OGGI SOPRALLUOGO IN SAMMARTINI: NON CI SONO CONTROLLI, MINORI VIVONO IN PROMISC

“Quello di Sammartini non è più un hub provvisorio come era stato assicurato ai milanesi e ai residenti, ma è un centro di accoglienza a tutti gli effetti, con 250 persone e minori non accompagnati che vivono in promiscuità con gli adulti. Oggi pomeriggio sono stato in via Sammartini con l'assessore Bordonali e ho riscontrato enormi problemi, nonostante il Comune cerchi di farlo passare come un luogo idilliaco.

PROBLEMA DI SICUREZZA - Il primo problema è la sicurezza: chi si presenta lì può portare anche un'autocertificazione al posto di un documento di identità e le carte per la richiesta di asilo arrivano giorni dopo. La Questura è assente, ci vorrebbe una postazione di controllo in loco. In un periodo come quello che stiamo vivendo è inammissibile accogliere anche in piena notte immigrati che danno il nome sulla parola.

MINORI NON ACCOMPAGNATI - La seconda questione è quella dei minori non accompagnati. In via Sammartini convivono, dormono e dividono gli spazi con gli adulti: è una situazione non raccomandabile, come è facilmente comprensibile, tanto più che non hanno i genitori a proteggerli.

DOVEVA ESSERE DI PASSAGGIO - Il terzo problema è che il Comune aveva detto che Sammartini sarebbe stato un centro di passaggio per circa 40 immigrati, che si sarebbero potuti fermare al massimo quattro o cinque giorni. I residenti e i milanesi sono stati presi in giro perché in realtà adesso questo posto è diventato un centro d'accoglienza a lungo termine per 250 persone e con gli operatori che sono costretti a gestirsi come riescono, in condizioni di fai-da-te”.

Post in evidenza
Post recenti
Archivio
Cerca per tag
Seguici
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square

Seguimi: 

  • Facebook Clean Grey
  • Twitter Clean Grey
  • YouTube Clean Grey

Gruppo Fratelli d'Italia - Alleanza Nazionale -  Consiglio Regione Lombardia

via Fabio Filzi 22 - Tel.:  0267482744 - mail: riccardo.decorato@consiglio.regione.lombardia.it